Ean ( PITBULL )



Ean 

Sono stato ingaggiato da Andrea perché il cane da un po’ di tempo presenta dei problemi legati al comportamento . Mangia svogliatamente , malgrado sia un pittbull veramente con una bella stazza. Altro problema ….Ean , cosi si chiama il cane , non vuole uscire di casa ….Si fa tirare opponendo grandissima resistenza ..fino a spiccicarsi al suolo ….Quando esce di casa , spesso vuole rientrare ossessivamente tirando brutalmente . Il problema che ho potuto verificare con i miei occhi , in campo ,è che non ha assolutamente predazione , non sa giocare ….!! perché troppo preoccupato da quanto gli accade attorno ….Non ha piacere ad essere accarezzato in testa anche dal padrone quando è in apprensione….
Ho fatto cambiato tutte le regole in casa …Ho chiesto ad Andrea di accarezzare il cane solo per confermare i suoi atteggiamenti positivi e di non andare oltre . Ho diminuito la razione di cibo ….e sto cercando di lavorare modificando il comportamento di Andrea . Ean necessita di un padrone Leader capace di dargli sicurezza e capace di trovare le giuste strategia per motivare e spostare la sua attenzione. In campo stiamo lavorando facendo si che Ean possa imparare a seguire , sia con lo sguardo che fisicamente , il suo padrone cosa che non avveniva prima . Ho provato a fare dei richiami : ….Ai primi esercizi , come documentato dal video , Ean non ha particolare reazione all’allontanamento del padrone ….Con l’aumentare degli esercizi  Ean non lo si mantiene più!! Faccio veramente fatica a trattenerlo .….Sto lavorando anche con la lunghina e con il gioco fisico ....sto lavorando per avvicinare Ean ad Andrea ….Ean disponibile a giocare con Andrea non è abituato ad usare strumenti interposti tra lui e il padrone tipo pallina , salamotto , straccetto .  Ho verificato che il loro attaccamento è esclusivamente affettivo e antropomorfizzante . Sono riuscito a sbloccare Ean  , in gioco di predazione ,solo per qualche minuto ….Durante i quali sembrava veramente interessato con un ottimo morso da Pitbull ...Il che vuol dire che è capace ma teme il gioco / strumenti .

Andrea : Quando posso carezzare Ean ?
                Amedeo :   Solo per confermare gli stati d’animo positivi di Ean  . Pacche sul dorso e voce felice e accattivante . 
Andrea : Posso giocare Ean in casa        ?
                 Amedeo : Solo con giochi che prevedano competizione tra te e il cane …Tira e molla con la corda  ( che ti ho prestato )  / cuscino  ( mi hai riferito che a lui piace ) / palla ….Devi far vincere anche lui affinchè posso aumentare la sua autostima ( sentimento interno )  e la sua autoefficacia ( capacità del fare praticamente ) .Sono capace e quindi provo e ho succcesso ciò mi convince a continuare perchè mi produce piacere .
Andrea : Come devo far uscire il cane di casa ?
            Amedeo :   Prima di uscire devi centripetare il cane con allegria …Cibo e gioco …Devi cambiare lo stato d’animo del cane …..
Andrea : Come devo rientrare in casa ?
        Amedeo :    A prescindere da come Ean si sia comportato fuori casa …Al rientro non fare MAI LA STESSA STRADA FATTA ALL’ANDATA

Se il Ean è stato bravo  :
1Oltrepassa di un cento metri il tuo palazzo per poi tornare indietro ed entrare nel condominio
 Al rientro fermarsi un po fuori l’uscio di casa e giocare il cane .NON DEVE MAI AVERE LA SENSAZIONE CHE TI STA PORTANDO A CASA E CHE QUINDI TU LO SEGUI .

Se il Ean è stato “ cattivo “
Fermarsi fuori l’uscio di casa , porta ancora chiusa dai 10 ai 15 minuti senza fare assolutamente nulla In silenzio –NON DEVE MAI AVERE LA SENSAZIONE CHE TI ABBIA  PORTANDO A CASA E CHE QUINDI TU LO SEGUI 
Andrea :  Quante volte e quanto tempo ad uscita ?
           Amedeo :   Due volte al giorno per 1 ora . Non pensiamo alla quantità ma assolutamente alla qualità del tempo .
Andrea :  E se il cane tira che vuole rientrare ?
           Amedeo : Mi fermo e non vado da nessuna parte ne avanti e ne dietro ….


Prima soluzione operante :
Portiamo il cane la sera mentre saltiamo l'uscita del mattina ...... la mattina usciamo senza cane , senza considerarlo per poi rientrare e portarlo fuori in altro orario …Se questa soluzione non dovesse portare risultati in una settimana passare alla soluzione due .
Seconda Soluzione operante :
  • 1.     Lasciare il cane digiuno un giorno intero . 
  • 2 . Il giorno dopo fornire ½ porzione di pasto nella ciotola fuori l’uscio di casa .3       Portare con se la restante porzione e la ciotola e fornire il cibo fuori casa . 
    4.      Controllare risultati dopo una settimana almeno .

Il cane deve associare che ogni buon rapporto : Affettività , Gioco e cibo sono soddisfazioni che vengono fornite fuori dall’abitazione . Se in casa non adotto un atteggiamento neutro vanifico il lavoro fuori casa. Ricorda che nessun cane accetterebbe mai di essere guidato da un Leader debole che non gli travasa SICUREZZA E ALLEGRIA .   Le motivazioni sono fondamentali . Pratica dell’allegria a gogò !!!





Al momento (03-10 -2016 ), circa  il cibo e la fobia dell'uscita ho :

  • Diminuito il cibo .Il cane è più vorace .
  • Ho spostato l’uscita del mattino a mezza mattinata . Il cane è uscito senza problemi ha giocato e quando ha smesso è rimasto comunque sul luogo con il proprietario . Al  rientro tirava ma meno  e quando Andrea lo ha lasciato per rientrare al lavoro il cane voleva riuscire …Questo ultimo passo è di grande interesse.
  • Ho impostato e cambiato molte regole di comportamento in casa. 
Il cane ha avuto un nuovo e poco incoraggiante comportamento : E' arrivato al parco tirato dal padrone e quando questo lo ha lasciato e scappato diritto verso casa . Raggiunto da Andrea il cane ha ricevuto due pacche sul sedere e una sgridata con la quale il proprietario a scaricato la sua ansia . E' la prima volta che il cane fugge verso casa. Ho chiesto , nuovamente , ad Andrea di non usare la pettorina ma il collare questo gli facilita il compito di onwer e il cane sente di più la forza del suo padrone . Cosi come ho chiesto di mandare in predazione il cane prima di concedergli la ciotola . Questa idea mi è venuta vedendo il filmato della cena del cane ...Ean ha fatto una flebile richiesta per ricevere il cibo ....Questa richiesta c'è stata ed è quindi plausibile pensare che può essere amplificata. Ricordo che Ean mangiava senza alcuna voglia ....

Siamo a giorno 08/11/2016 ricevuto messaggio vocale via Wathsap : Utilizzando il collare in sostituzione della pettorina Ean cammina di voglia e senza problemi . Così come mandare in predazione il cane prima di dargli la ciotola lo motiva .Ean mangia di voglia. 


 
Ean in assenza completa di predazione .Assolutamente non riesca ad essere interessato al suo padrone perchè preoccupato da quanto sente . Da premettere che siamo in un campo agricolo abbastanza ovattato .No persone ,animali , macchine .................................................

Dopo i consigli attuati , il cane trova interesse verso il gioco e la predazione .Questo è Ean in uscita serale prima della nanna. 

Allo stesso modo distraendolo con gioco di predazione sul cibo e centripetando il cane questo ha cambiato il suo atteggiamento che era apatico e addirittura prima di diminuirgli uno dei due pasti il cane non mangiava .



Uscita di Ean ad un mese che ci conosciamo e alla teza lezione pratica ....ma è un cane che sto cercando di seguire molto attraverso i consiglie e la relazione con il padrone ....




Dobbiamo , e ci stiamo riuscendo , dare a Ean quanta più autostima è possibile ...partendo da lavori di basso rango e aumentandoli poco per volta . Questa operazione andrà a rendere Ean capace di una migliore Auto efficacia ....

A mio modesto parere ....

Facendo addestramento con il nostro cane , lavorando per migliorare le capacità del nostro amico peloso ,ci rendiamo conto dei nostri limiti . Questa condizione ci mette su un piano di equità tale da darci un maggior autocontrollo e rispetto per il cane . Se per noi , che siamo cognitivi ,è difficile apprendere e sopratutto applicare ciò che abbiamo appreso ...figuriamoci per il nostro cane . Almeno per me è stato così ....Sia quando insegnavo arti marziali , sia  oggi che mi occupo di cinofilia ho netta la sensazione di imparare nello stesso momento in cui insegno . Il cane ci insegna , così come il rapporto tra persone ci pone su un unico percorso da fare insieme .Il corso teorico che tengo su cane e proprietario l'ho denominato CONSAPEVOLEZZA nella convinzione che se si è consapevoli si può fare anche da soli continuando un percorso di conscenza e applicazione che dura una vita . E' chiaro che deve nascere dentro chi lavora con il proprio cane un interesse che vada oltre al volere risolevere un problema.

 Non ho mai insegnato ai miei allievi; ho solo cercato di fornire loro le condizioni in cui possono imparare.   (Albert Einstein)



l gioco è significativo per lo sviluppo intellettivo . Il cane , quando gioca, sorprende se stesso e nella sorpresa acquisisce nuove modalità per entrare in relazione con il mondo esterno. Nel gioco si sviluppano  le proprie potenzialità intellettive, affettive e relazionali.. nel giocare si  impara ad essere creativo ,a risolvere problemi e si  sperimentano  le capacità cognitive, scoprire  se stesso, entrare in relazione con il padrone sviluppando quindi l'intera personalità. Aumenta l’autostima , ossia la capacità del sentire …questo processo migliora l’autoefficacia ossia la capacità del fare . Se il padrone non sa giocare attraverso il cane imparerà anche lui sviluppando gli stessi valori ed insieme al proprio cane crescere .

Nessun commento: